I batteri che compongono la nostra flora batterica intestinale sono – quando la flora è integra e ottimizzata – i nostri migliori alleati per mantenere una buona salute. Il problema è che nella flora intestinale ci può essere di tutto:

batteri efficaci per la protezione dell’intestino, la “digestione” delle fibre, la pulizia e l’integrità dell’epitelio intestinale. Senza questa flora benefica siamo in condizione di disbiosi intestinale;

batteri opportunisti, che non fanno grandi danni e non offrono particolari benefici;

batteri patogeni, che provocano infiammazioni, fermentazioni anomale con gas intestinali e vere e proprie patologie;

candida, un lievito/fungo che è sempre presente in piccole quantità, ma quando aumenta a dismisura (per es. dopo terapie antibiotiche) provoca una candidosi intestinale, un’infezione molto più pericolosa di quanto si ritiene normalmente (se è presente candidosi intestinale il ripristino della flora batterica dell’intestino non è da fare: vedere a fondo pagina i consigli per questo caso specifico).

RINNOVO DELLA FLORA BATTERICA INTESTINALE

Quando si è in stato di disbiosi intestinale – caratterizzata da difficoltà digestive, gonfiori addominali, dolori dopo la digestione, alito fetido, ecc. – occorre rinnovare la flora batterica. Affidatevi al vostro medico per una terapia adeguata.

In casi meno gravi è efficace la seguente terapia, utile anche per chi non ha gravi disbiosi intestinali, ma è all’inizio del cambiamento alimentare secondo metodo Kousmine:

Se i disturbi non sono eccessivi

Si può iniziare il ripristino della flora batterica in questo modo:

  • Per 3 giorni: 2 caps a colazione e 2 caps a cena di Enterelle.
  • Per i successivi 7 giorni: 2 caps a colazione e 2 caps a cena di Bifiselle.
  • Per i successivi 7 giorni: 2 caps a colazione e 2 caps a cena di Ramnoselle.
  • Per altri successivi 24 giorni: 1 caps di Serobioma a colazione.

Sono tutti prodotti della Bromatech: abbiamo scelto questa marca perché ha batteri molto specifici, idonei ad essere assunti in sequenza come indicato.
L’Associazione Cibo è Salute non ha nessun interesse economico in rapporto alla Bromatec.

Il vostro terapeuta può consigliarvi un’altra flora batterica diversa, altrettanto valida: seguite le sue indicazioni.

In caso di disturbi rilevanti
È bene cominciare con una accurata idrocolonterapia.

  • Tre giorni prima dell’idrocolonterapia assumere ogni giorno: 2 caps a colazione e 2 caps a cena di Enterelle.
  • Procedere poi all’idrocolonterapia, secondo le indicazioni dell’operatore.
  • Dopo l’idrocolonterapia procedere ad una ulteriore pulizia con Enterosgel (GUNA):

Per i primi tre giorni: un cucchiaio colmo a metà mattina, uno a metà pomeriggio e uno prima di andare a dormire (diluito in acqua o assunto direttamente e seguito da un bicchiere d’acqua)

Per i giorni successivi: un cucchiaio a metà mattina e uno prima di andare dormire, fino alla fine della confezione. Chi soffre di stitichezza deve accompagnare l’Enterosgel con abbondante frutta, meglio se pere, prugne, kiwi, ecc.

A seguire si inizierà il ripristino della flora batterica intestinale:

  • Per 3 giorni: 2 caps a colazione e 2 caps a cena di Enterelle
  • Per i successivi 7 giorni: 2 caps a colazione e 2 caps a cena di Bifiselle
  • Per i successivi 7 giorni: 2 caps a colazione e 2 caps a cena di Ramnoselle
  • Proseguire poi per almeno un mese con:
    Lunedì, Martedì e Mercoledì: 1 caps a colazione e 1 a cena di Bifiselle
    Giovedì, Venerdì e Sabato: 1 caps a colazione e 1 a cena di Acronelle
  • Per 24 giorni: 1 caps di Serobioma a colazione.

IN CASO DI CANDIDOSI

Se è presente candidosi intestinale il ripristino della flora batterica dell’intestino non è da fare. Occorre invece mettere in pratica ciò che indichiamo nel foglio di sintesi sulla terapia della candidosi o altre terapie indicate dal vostro medico.

La candidosi è un infezione diffusa e grave, molto più di quanto di pensa. Influenza negativamente l’apparato digerente, il sistema immunitario e anche la psiche. Può essere la causa nascosta di allergie, intolleranze alimentari, stanchezza, ecc. Malgrado la diffusione e la pericolosità, è ampiamente sottovalutata.

E’ difficile guarirne completamente, ma è assolutamente indispensabile se vogliamo impedire recidive. Ricordiamo che la candidosi può aggravarsi notevolmente e emigrare dall’intestino o dalla vagina alla bocca, alla zona anale, al circolo sanguigno. La cura deve essere rigorosa e assolutamente fedele, senza eccezione. Comporta un rigoroso regime alimentare e una terapia di integratori e farmaci. Nessuno pensi di risolvere il problema della candidosi con semplici fungicidi: correrebbe il rischio che il microrganismo si incisti, con ricomparse e maggiori difficoltà a eradicarlo.

Sintesi terapia candidosi