I funghi autunnali Armillaria mellea prendono il nome italiano (Famigliola) dal fatto che crescono in ceppi serrati o dalla loro forma quando sono piccoli (Chiodini). Vanno assolutamente prebolliti, con scarto dell’acqua di cottura. Sono gustosi, ma di digestione un po’ faticosa, quindi da masticare bene. Meglio non consumarli come piatto unico ma, come nella ricetta, mescolati con un cereale.

Ingredienti

Dosi per 2 persone:

  • 250 gr orzo cotto come da ricetta base (peso cotto)
  • 250 gr di funghi chiodini (o famigliola)
  • 1 spicchio di aglio
  • una cipolla bionda piccola
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
  • 1 e 1/2 cucchiaio di olio extravergine di oliva
  • 1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
  • dado vegetale
  • salvia
  • alloro

Preparazione

    1. Preparate l’orzo come da ricetta base.
    2. Mondate i chiodini tagliano la parte più dura del gambo e lavandoli in acqua abbondante.
    3. Metteteli a bollore in acqua salata e lasciateli sobbollire per circa mezz’ora.
    4. Gettatte l’acqua di cottura, sciaquateli un paio di volte con acqua calda e scolateli.
    5. Tritate la cipolla, sbucciate e tritate l’aglio e mettete il trito con una foglia di salvia e mezza di alloro in una padella antiaderente con 1/2 bicchiere d’acqua.
    6. Portate a bollore e proseguite la cottura per 20 minuti con pentola coperta a fuoco bassissimo.
    7. Aggiungete il vino bianco, il dado vegetale e la salsa di pomodoro, riportate a bollore e aggiungete i chiodini (tagliati a pezzi se sono grandi).
    8. Cuocete per altri 20 minuti a fuoco basso, curando che non si asciughi troppo.
    9. Quando il tutto è quasi asciutto, aggiungete l’orzo, lasciate riscaldare un minuto a fiamma media mescolando con un cucchiaio di legno.
    10. Spegnete la fiamma, lasciate riposare qualche minuto a pentola coperta, aggiungete l’olio e servite.