L’alimentazione è al primo posto nella pratica del Metodo Kousmine. Nessun altro pilastro del Metodo sarà sufficiente se non sarà praticata con accuratezza l’alimentazione indicata dalla dott. Kousmine (gli altri pilastri sono l’igiene intestinale, il controllo dell’acidità e gli integratori alimentari, a cui il medico potrà aggiungere in quinto pilastro: i vaccini).

L’alimentazione Kousmine va iniziata gradualmente oppure dopo un digiuno totale di 6 giorni, a giudizio del medico. Iniziare bruscamente un cambio alimentare può creare eccesso di gas intestinale, addome gonfio, lingua bianca, fenomeni di inappetenza.

Se non si fa il digiuno totale, la progressione del cambiamento, può essere questa:

  1. ricostruire della flora batterica intestinale, secondo le indicazioni del medico curante o di questo sito;
  2. ridurre drasticamente e immediata dei grassi saturi: eliminare le carni bovine, eliminazione gli insaccati, diminuire i latticini (solo yogurt magro e poco latte scremato non a lunga conservazione: 150 cl al massimo);
  3. introdurre da subito dell’olio extravergine di oliva spremuto a freddo come unico condimento, oltre ad un cucchiaio di olio di girasole bio spremuto a freddo;
  4. colazione abbondante a base di frutta e una proteina (yogurt, tofu o, più raramente, ricotta molto magra). Se non si è abituati ad una colazione abbondante, aumentare gradualmente fino ad arrivare a regime ottimale. La colazione ideale è la crema Budwig;
  5. aumentare gradualmente le verdure crude e cotte;
  6. introdurre gradualmente i legumi: prima in piccole quantità e a giorni alterni, poi in quantità maggiori;
  7. introdurre gradualmente i cereali integrali:
    – si inizia con riso semintegrale e con piccoli quantitativi di farro, orzo, ecc. nelle minestre;
    – si prosegue poi introducendo due volte alla settimana il riso integrale;
    – dopo un paio di settimane, si passerà ad usare solo cereali integrali;
    – è necessario diminuire l’uso di pasta e soprattutto di pane
    – è opportuno l’uso di soli prodotti lavorati in modo naturale (pane biologico, possibilmente lievitato a pasta acida e pane biologico integrale).
Una sintesi del Metodo Kousmine con i riferimenti principali per il primo periodo di pratica.